Inquinamento atmosferico acuisce malattie reumatiche

Guido MBLa SIMFER sui media, News Simfer

A Uno Mattina si parla delle malattie reumatiche legate all’inquinamento atmosferico e ambientale: ecco che cosa hanno riferito i prof Maontecucco e Bernetti

Le malattie reumatiche, reumatologiche sono legate anche all’inquinamento atmosferico e ambientale. Se ne è parlato stamane negli studi di Uno Mattina: “L’inquinamento – spiega il professor Montecucco reumatologo – può provocare un sistema di infiammazione reumatologica in soggetti predisposti, questo è ormai documentato. Ci sono studi italiani, soprattutto di Verona, che indicano una correlazione fra gravità di alcune malattie reumatiche e picchi di inquinamento soprattutto dei particolati, PM10 e PM2,5, le polvere sottili inalate, che sono presenti soprattutto nelle grandi città, come ad esempio nella Pianura Padana. Potendo bisognerebbe trasferirsi per un periodo”.

E ancora: “C’è una diseguaglianza fra l’accesso a cure di alta qualità a seconda delle zone del Paese quindi da un punto di vista si equilibra la cosa: dove c’è più inquinamento ci sono i più grandi ospedali e ciò rende più difficile la valutazione del reale impatto dell’inquinamento. L’area fresca nel weekend fa sempre bene”. Andrea Bernetti, fisiatra, consiglia una serie di esercizi fisici per superare i problemi derivanti dalle malattie reumatiche: “Vanno fatti però quotidianamente, non soltanto quando si ha il dolore”. E ancora: “Ci sono persone che hanno molte difficoltà nei gesti quotidiani, e ci sono degli oggetti che aiutano, come dei guanti speciali o degli apri bottiglia particolari. Quando abbiamo una infiammazione perdiamo la capacità di regolare i movimenti, anche quelli che facciamo nella vita di tutti i giorni”.

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE REUMATICHE: “LE TERAPIE DI OGGI…”

Il professor Montecucco ha ripreso la parola parlando delle terapie utilizzate oggi per curare le malattie reumatiche: “Quelle di oggi sono straordinarie, nell’artrite reumatoide abbiamo oggi farmaci straordinariamente efficaci, il problema che prima era di tipo di disabilità e di riduzione delle aspettative di vita, oggi hanno la possibilità di vivere quanto gli altri e con la stessa qualità di vita. C’è comunque un 15% di pazienti che non risponde bene alle terapie”.

Se vivessimo in un ambiente inquinato le terapie funzionano meno? “Nelle zone di maggior inquinamento c’è una maggiore difficoltà alla risposta al trattamento e questo succede anche per altre malattie, come la sclerosi multipla”. E ancora “Il fumo di sigarette e l’obesità sono altri due fattori molto di rischio per l’artrite reumatoide”, ha chiosato l’esperto.

fonte: IlSussidiario.net